Gelato vegan al gusto nocciola

Giacomo Pisanu

Giacomo Pisanu

Cuoco, si è diplomato presso la Scuola Alberghiera di Camogli nel 2003, perfezionandosi presso La Scuola di Cucina Naturale Sana Gola di Milano. Dal 2010 sta perfezionando la propria formazione presso il Campus di Ricerca Cascina Rosa Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori – Milano, ed è cuoco, per la sede LUMEN di San Pietro in Cerro (PC), del Progetto DIANA 51
Giacomo Pisanu

Latest posts by Giacomo Pisanu (see all)

Quella che ti propongo in questo post è una ricetta di un gelato vegan unico nel suo genere, senza latticini e zuccheri, dalla consistenza cremosa e dal sapore deciso! Come vedi negli ingredienti non utilizzo nemmeno i latti vegetali ma la polpa di mela cotta… provare per credere!

Per conoscere questa ed altre ricette ti aspetto venerdì 18 luglio al corso sui Gelati e Dolci al cucchiaio, che terrò presso LUMEN a San Pietro in Cerro (Pc). per info >>> 

gelato_vegan_nocciola

  (per 6 porzioni)

  • 1200 gr di mele Golden mature (peso da prodotto integro)
  • 150 gr di crema di nocciole
  • 4 gr di farina di carrube
  • 2 gr di sale marino fino integrale

Dopo avere sbucciato le mele, togli il torsolo e affettale. Cuocile con il sale, in una pentola coperta e con la fiamma bassa.
Quando si saranno disfatte un po’, toglile dal fuoco e lasciale raffreddare, dopodiché versale nella gelatiera, con la crema di nocciole, la farina di carrube e i semi di vaniglia.
Fai mantecare, per il tempo necessario a raggiungere la giusta consistenza (almeno 30 minuti).
Servi le palline di gelato dentro delle coppette, e per la presentazione utilizza bastoncini di cannella e granella di nocciole tostate.

 

Leggi anche:

About The Author

Giacomo Pisanu

Cuoco, si è diplomato presso la Scuola Alberghiera di Camogli nel 2003, perfezionandosi presso La Scuola di Cucina Naturale Sana Gola di Milano. Dal 2010 sta perfezionando la propria formazione presso il Campus di Ricerca Cascina Rosa Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori – Milano, ed è cuoco, per la sede LUMEN di San Pietro in Cerro (PC), del Progetto DIANA 51

10 Comments

  • enrico

    Reply Reply 28 giugno 2014

    ciao Giacomo, nel procedimento non ho visto la farina di carrube

    • Giacomo Matteo Pisanu

      Giacomo Matteo Pisanu

      Reply Reply 7 ottobre 2014

      Si Enrico. E’ un ingrediente che ho aggiunto in un secondo tempo per migliorare la cremosità del gelato nel tempo. Inseriscila in gelatiera insieme al resto degli ingredienti. Buona serata

  • Ilaria

    Reply Reply 29 giugno 2014

    Ma la crema di nocciole la fai tu o è quella ad esempio che si compra di Rapunzel?

    • Giacomo Matteo Pisanu

      Giacomo Matteo Pisanu

      Reply Reply 7 ottobre 2014

      Ciao Ilaria. La crema di nocciole la compro, buonissima, di nocciole del Piemonte IGP. Si può realizzare in casa una crema altrettanto buona partendo dalle nocciole tostate (consiglio sempre le piemontesi IGP, una garanzia) anche se non otterrai mai una consistenza così liscia come quelle prodotte industrialmente.Buona serata

  • mariagrazia Rossini

    Reply Reply 29 giugno 2014

    grazie Giacomo il gelato mi piace molto anche se a me non e venuto perfetto a presto

    • Giacomo Matteo Pisanu

      Giacomo Matteo Pisanu

      Reply Reply 7 ottobre 2014

      Ciao Maria Grazia. Cosa intendi? Cosa è mancato per raggiungere la perfezione? Grazie

  • [email protected]

    Reply Reply 29 giugno 2014

    Ricetta fantastica per me che non posso usare ne latticini ne zucchero, ma come ovviare al fatto che non ho
    una gelatiera?

    Cordiali saluti, Rosanna

    • Giacomo Matteo Pisanu

      Giacomo Matteo Pisanu

      Reply Reply 7 ottobre 2014

      Cara Rosanna, la gelatiera ti permetterebbe di iniziare un percorso nel fantastico ed affascinante mondo del gelato…Non è obbligatoria per questo gelato averla. Infatti una volta ho realizzato il gelato vegan al gusto nocciola per ben 70 persone semplicemente utilizzando il freezer… Occorrono circa 3 ore, tempo in cui dovrai, ogni 15 minuti, rompere i cristalli di ghiaccio per mezzo di una frusta. Un procedimento un pò all’antica…Buona serata

  • monica

    Reply Reply 30 giugno 2014

    Buongiorno Giacomo,
    le mele vanno cotte con acqua e in che quantità?
    Grazie!
    Monica B.

    • Giacomo Matteo Pisanu

      Giacomo Matteo Pisanu

      Reply Reply 7 ottobre 2014

      Monica, nessuna acqua. Cuocere in pentola coperta ti permette di creare il vapore necessario alla cottura. Avrai così delle mele cotte e perfettamente asciutte. buona serata

Leave A Response

* Denotes Required Field