Focaccia dolce con uva e pera

Giacomo Pisanu

Giacomo Pisanu

Cuoco, si è diplomato presso la Scuola Alberghiera di Camogli nel 2003, perfezionandosi presso La Scuola di Cucina Naturale Sana Gola di Milano. Dal 2010 sta perfezionando la propria formazione presso il Campus di Ricerca Cascina Rosa Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori – Milano, ed è cuoco, per la sede LUMEN di San Pietro in Cerro (PC), del Progetto DIANA 51
Giacomo Pisanu

Latest posts by Giacomo Pisanu (see all)

Direttamente dal mio nuovo libro di pasticceria naturale “Dolce per Natura” ecco una focaccia dolce autunnale realizzata senza zucchero, con farine integrali e frutta stagionale: l’ uva, dalle note proprietà depurative, e  pere, frutto energizzante.
È un dolce che si ispira alla tradizionale focaccia con l’uva, qui riproposto in una versione più ricca, grazie alla farcitura di pere, che lo rende ancora più soffice e dolce. Una merenda ricercata e apprezzata sia dagli adulti che dai bambini.

 

ifocaccia uva

 Ingredienti

(per una teglia da 28 cm di diametro, 16 porzioni)

 

per l’impasto

750 gr di farina semintegrale

50 g di olio extra vergine di oliva

5 gr di lievito di birra fresco

450 gr di latte di riso

10 gr di sale marino fino integrale

 

per la farcitura

600 gr di uva nera (peso da prodotto integro)

500 gr di pere Abate ben mature (peso da prodotto integro)

50 gr di olio extra vergine di oliva

 

per l’impasto

In una ciotola metti la farina, l’olio e il lievito precedentemente sciolto in una tazzina d’acqua tiepida. Mescola bene con le mani per un paio di minuti, quindi unisci il sale e il latte di riso.

Impasta il tutto fino a quando si sarà formata una massa omogenea, dopodiché trasferisci l’impasto sul piano di lavoro infarinato e lavoralo per altri 5 minuti.

Ottenuta una palla morbida e uniforme, dividila in due, metti i due pezzi in due ciotole separate, infarinate e abbastanza capienti da permettere agli impasti di raddoppiare.

Ricopri prima con la pellicola e poi avvolgi le ciotole con una coperta.

Attendi il raddoppiamento del volume, ci vorranno circa tre ore, dopodiché gli impasti saranno pronti per essere stesi.

 

per la farcitura

Stendi uno dei due impasti sul piano di lavoro infarinato usando prima le mani e poi il mattarello, quando avrai un cerchio alto circa ½ cm trasferiscilo su di un foglio di carta da forno e dai gli ultimi colpi con il mattarello in modo da portarlo ad una dimensione di circa 32 cm.

Ora spostalo nella teglia aiutandoti con la carta da forno. Assicurati di lasciare un bordo di circa 2 cm e bucherella tutta la superficie con una forchetta.

Sbuccia le pere, togli il torsolo, tagliale a cubetti e distribuiscile su tutta la superficie della sfoglia che hai steso, lasciando libero un po’ di spazio sul bordo che servirà per sigillare bene la pasta di copertura.

Sul piano di lavoro ben infarinato stendi il secondo impasto, crea un cerchio della stessa dimensione del la teglia e posalo sulla base sopra alle pere. Fai in modo che aderisca bene alla parte inferiore della focaccia, premendo leggermente il bordo.

Distribuisci gli acini d’uva su tutta la superficie, facendo una leggera pressione affinché rimangano  “incastrati” nell’impasto.

Lascia lievitare ulteriormente la focaccia, per altre 2 ore (deve “alzarsi” ancora di un cm); non occorre coprirla, ma deve stare in un ambiente caldo e al riparo da correnti d’aria.

Metti la teglia in forno già caldo a 180° per circa 1 ora, fino a quando avrà una doratura omogenea e, per un risultato eccellente, servi la focaccia tiepida.

 

 

 

Leggi anche:

About The Author

Giacomo Pisanu

Cuoco, si è diplomato presso la Scuola Alberghiera di Camogli nel 2003, perfezionandosi presso La Scuola di Cucina Naturale Sana Gola di Milano. Dal 2010 sta perfezionando la propria formazione presso il Campus di Ricerca Cascina Rosa Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori – Milano, ed è cuoco, per la sede LUMEN di San Pietro in Cerro (PC), del Progetto DIANA 51

Leave A Response

* Denotes Required Field