5 passi per produrre grinta e coraggio nella tua vita

Alessandro Pera

Alessandro Pera

Cromoterapeuta, completata la sua formazione in Naturopatia presso LUMEN, si è specializzato in terapia cromatica presso il Centro di Psicologia Integrata di Giorgio Camattari di Milano. Attualmente collabora con i naturopati LUMEN nell’ambito delle analisi comparate e nell’individuazione delle tecniche di riequilibrio.
Alessandro Pera

Latest posts by Alessandro Pera (see all)


Sogni una vita avventurosa e piena ma fatichi a farti valere?

Sviluppare coraggio, grinta e forza è sempre possibile
E’ solo una questione di vibrazione e … di rosso!

Ormai è stato detto in tutte le salse: “ogni cosa è energia, ogni cosa è vibrazione”.
Ma cosa significa nel concreto?

Comprendere questo concetto nel profondo, con ogni cellula del nostro essere, beh, potrebbe davvero schiudere il vaso di pandora.

Abitiamo una macchina straordinaria e complessa, capace di svilupparsi, rigenerarsi e guarire, ma, con gli input sbagliati può degenerare, soffrire e arrivare ad autodistruggersi; tre motori straordinari dovrebbero rombare all’unisono: mente, cuore e corpo.
Sarebbe bello, ma la condizione comune è che il più delle volte siano scoordinati, il corpo ripiegato nei suoi bisogni, il cuore che come un cavallo brado corre senza controllo e la mente che ama vagare senza meta tra ricordi, sogni e pensieri di scarsa qualità.

Focalizziamo l’attenzione sulla mente, il filtro che traduce le nostre esperienze, le interpreta, le archivia, le connota in un modo piuttosto che in un altro, tutto senza una reale forma di controllo; è proprio a questo livello che ci è possibile maggiormente intervenire.

Il pensiero è meno astratto di quanto possiamo pensare, esso infatti ha una certa forza variabile, un certo peso e, una certa frequenza.
Il pensiero è la mano che pizzica le corde dello strumento della nostra vita e induce il cuore a provare alcune emozioni piuttosto che altre, predispone il corpo ad essere vigoroso e fiero, o debole e abbattuto.

Hai mai fatto attenzione al fatto che quando sei in uno stato di rabbia o depressione i tuoi pensieri sono di una qualità tale che muta completamente in uno stato di gioia ed entusiasmo. Quando sei innamorato di qualcuno o di qualcosa pensi forse a quanto sia difficile e faticoso vivere? Certo che no! L’energia scorre e ti senti forte e vincente.

Se stai attraversando una fase nella quale ti senti scarico, impotente, poco vitale è probabile che tu non abbia un buon rapporto con colori come il rosso e l’arancio.

IL TUO STATO VIBRAZIONALE è fuori sintonia con quella del rosso una vibrazione che rievoca calore, passione, sensualità, conquista.

Nello sviluppo del bambino la fase rossa viene associata ad un’età compresa all’incirca tra i due e tre anni, età nella quale i bambini sono molto attivi nella scoperta e stimolazione dei genitali, scoprono le sensazioni di piacere, il desiderio ed il possesso: “questo è mio , mi piace e lo voglio!”
Una fase che spesso, come genitori viviamo con difficoltà: non amiamo che nostro figlio crei contrasti e manifesti così apertamente il suo ego, aggressivo e possessivo e lo sobilliamo di DIVIETI e di NO.

Purtroppo la nostra morale ed educazione non sono di grande aiuto in questi casi, anzi spesso sono un ostacolo all’armonizzazione di questa parte di noi stessi e dei nostri figli.

VORRESTI RICONQUISTARE IL RUOLO DI PROTAGONISTA NELLA TUA VITA?
VORRESTI RIPRENDERTI UNO SPAZIO MA HAI TIMORE A SGOMITARE UN PO’?
FAI PACE COL ROSSO!

Ecco alcune semplici strategie che puoi mettere in campo:

  • FRASI PROGRAMMATCHE: preparati dei post-it con scritto “sono forte”, “sono entusiasta”, “sono coraggioso”, “sono passionale”; attaccali in punti strategici (sullo specchio in bagno, sul frigo, dove lavori, sula porta d’ingresso).
  • RIEMPITI DI ROSSO: metti dei richiami di questo colore dove puoi vederli, quadri, soprammobili, coperte. Se vuoi indossarlo, metti pantaloni, scarpe; per le donne favorire gonne, abbigliamento che esalti la femminilità e la sensualità.
  • NUTRI LA SANA COMPETIZIONE: fai attività motoria intensa, ad es, la corsa, poniti dei tempi, dei traguardi, conquistali e poi spingiti oltre, accalorati, appassionati, sperimenta il piacere di avere successo.
  • MEDITAZIONE: sdraiati, chiudi gli occhi, con un sottofondo di suono di fuoco che scoppietta, rilassati e visualizza fiammelle vivaci che ti danzano attorno e induciti una sensazione di calore, visualizza il tuo corpo che si colora di rosso, assorbi interiormente il calore e il colore, fai un profondo respiro e riapri gli occhi.
  • ASCOLTA MUSICA ritmata, spazia tra musiche tribali, tango e latino americano, cerca di lasciar muovere il corpo in modo libero.

Ricorda che il rosso è legato al fare, all’azione, al movimento sull’onda dell’innamoramento e del piacere.

L’inserimento di queste nuove abitudini, possono aiutarti a nutrire la frequenza del rosso, una risorsa presente interiormente, ma messa in un angolo e non abbastanza forte per manifestarsi e produrre ciò che vorresti nella vita.

Tieni ben a mente, che il rosso è un’energia, che nel suo equilibrio porta, la gioia di vivere, di amare di essere protagonista della propria vita e, invece, nel suo eccesso porta alla prepotenza, all’egoismo e all’aggressività, quella appunto che osserviamo nei bambini che stanno attraversando la fase dell’”io voglio sopra tutti”.

Le indicazioni sopra descritte vogliono essere solo una traccia, derivante da un lavoro molto più dettagliato che ha le propie radici nel cromotest.
Se vuoi saperne di più informati sui prossimi corsi di Cromoterapia Applicata in LUMEN.

Buona vita.
Alessandro Pera

Scopri anche i precedenti articoli dedicati alla cromoterapia:
- Blu
- Verde

Leggi anche:

About The Author

Alessandro Pera

Cromoterapeuta, completata la sua formazione in Naturopatia presso LUMEN, si è specializzato in terapia cromatica presso il Centro di Psicologia Integrata di Giorgio Camattari di Milano. Attualmente collabora con i naturopati LUMEN nell’ambito delle analisi comparate e nell’individuazione delle tecniche di riequilibrio.

1 Comment

Leave A Response

* Denotes Required Field